HOME REGOLAMENTO PER LA RICHIESTA DI DOCUMENTAZIONE CONTATTI
 
Categorie

NEWS
Nuovo sito Storia della Medicina
storia della medicina
Aggiornamento Sito


Immagine di avvio

FINALITA' - OBIETTIVI - RECENSIONI - CONTENUTI - PARTENARIATI - CONSULENZE

 

 PROFESSORE GIUSEPPE DI GESU'
SITO DEDICATO ALLE SCIENZE CHIRURGICHE
 Chirurgia Generale - Fisiopatologia Chirurgica
Storia della Medicina 

 

  COPERTINE - RECENSIONI

 

     
     
     
     
   

 

 

     
     

 

RECENSIONI

GIORNALE DI CHIRURGIA


Di Gesù G.

LO SCIAMANO, IL MAGO, IL SANTO. SCIENZE UMANE E MEDICINA UN BINOMIO INSCINDIBILE DELL’ERA POST-MODERNA

Plumelia Ed., Bagheria (Palermo), 2007

 

Non ci si aspetti da questo saggio una lettura facile e un’applicabilità immediata; e neanche uno scorcio storico, una narrazione aneddotica o una semplice escursione antropologica. Un primo sospetto sulla densità concettuale e sulla stessa difficoltà interpretativa dei termini l’ho avuto considerando il sottotitolo. Poi la lettura attenta, decifrante per pensieri logici e approfondimenti filosofici, mi ha dato la prova delle indicazioni interessanti e anche originali che emergono per la valutazione da parte dei medici delle situazioni sociali, delle condizioni intimistiche, delle implicazioni organizzative che li riguardano nella sfera dei loro complessi sentimenti e comportamenti, in quest’epoca di passaggio e di ridefinizione del mandato umano e professionale.

Di Gesù, già noto per la sua particolare propensione storico-filosofica nel campo della chirurgia (espressa anche da una ricca bibliografia allegata), pone i termini delle istanze attuali che la scelta e l’esercizio della medicina si trovano ad affrontare ed esprimere sul piano di una filosofia dei rapporti da una parte con il malato, dall’altra con la gestione istituzionale della salute che caratteristicamente riguarda i costi, le forniture tecnologiche irrinunciabili, i tempi e le modalità d’esercizio, la disponibilità politica. C’è in tutto questo il definitivo superamento della fase caritatevole e ‘romantica’ dell’assistenza pubblica subentrando un rapporto che poi, in definitiva, esorbita dalle leggi dell’economia, deve tener conto degli impatti di coscienza, impone forme nuove di iniziativa e di comportamento sul filo di interpretazioni e di significati non solo meramente scientifici. Ritorna infatti, sul momento, l’umanesimo come corredo interiore che riesce a collegarsi con la natura dei prodotti della rivoluzione tecnologica in una visione politicamente nuova del senso dell’assistenza medica che sfugge alla storia dell’empirico e assurge a dottrina filosofica temprata dalle moderne scuole di pensiero. La seconda parte del saggio è dedicata a concisamente ricordarle sullo sfondo di una specie di riconversione culturale ai princìpi ippocratici scaturiti nel V secolo a.C. da una cultura originaria ed originale.

L’opera di Di Gesù non è per questo di idealizzazione sublimatrice dei valori, non è metafisica del pensiero ma, in un’interessante sintesi umanistico-scientifica, perlustra apporti tecnici e valori di sopravvivenza ideale ai fini di un progetto etico, fecondo di indicazioni pratiche in un mondo preoccupato del domani ma soggetto al disimpegno istituzionale e alla globalizzazione.


(Giorgio Di Matteo).

  

QUESTIONI DI BIOETICA
ISSN 1970-7932     Num. 5 - Gennaio 2008  
G. Di Gesù, Lo sciamano, il mago, il santo. Scienze umane e medicina: un binomio inscindibile dell'era postmoderna, Plumelia, Palermo 2007, pp. 77, € 20

Il problema della cosiddetta “umanizzazione della medicina” e del rapporto medico-paziente è, da sempre, al centro delle riflessioni di bioetica. Tra i meriti di questo denso e agile volume di Giuseppe Di Gesù c’è, senza dubbio, quello di aver mostrato l’ambiguità dell’espressione “umanizzazione della medicina”. La medicina, infatti, non andrebbe a rigore “umanizzata”, per il semplice motivo che essa è, già da sempre, un’impresa autenticamente umana. Quello che oggi occorre fare, piuttosto, è riscoprire le radici di un’arte, prima ancora che di una scienza, ormai soffocata dal “management sanitario”, e cioè dalla presenza, sempre più invadente, di una gestione di tipo strettamente economico (p. 23). Di Gesù, naturalmente, non ignora il problema dei costi per l’assistenza sanitaria e, di conseguenza, la necessità di una loro attenta ed equilibrata “razionalizzazione” (p. 25). Tuttavia, non si può negare che nel rapporto «tra la struttura aziendale erogatrice del servizio e il cittadino», oltre che «nel nuovo tipo di contratto professionale instaurato tra medico e paziente, oggi viene a mancare, ed è ormai definitivamente scomparsa, l’”anima”» (p. 32). Il tradizionale rapporto di fiducia tra medico e paziente subisce un duro colpo da questa situazione. Di Gesù dipinge con efficace realismo quella che è ormai diventata una relazione difficile: da un lato «il paziente e i suoi familiari assumono il ruolo di osservatori attenti e critici», «sempre pronti a cogliere quelli che ai loro occhi possono essere valutati come eventuali errori» o omissioni del medico, dall’altro lato il medico rischia di dover misurare tutte le proprie mosse in funzione di aspettative che lo investono di una scomoda infallibilità. Come fronteggiare questa nuova emergenza? Come “rianimare” un corpo professionale in fase terminale?
La proposta dell’Autore è di riattivare l’antica sinergia tra medicina e attitudine alla cura e alla solidarietà, attraverso quelle che oggi vengono chiamate “scienze umane” (p. 38). Il “modo di essere medico”, infatti, «è condizionato profondamente dalla formazione umana e culturale, oltre che da quella strettamente professionale» (p. 50). Il medico, in altri termini, non può ignorare la complessità della società odierna, in cui l’intreccio tra politica ed economia e l’evoluzione costante dei paradigmi interpretativi della scienza lo chiamano a un impegno supplementare di riflessione circa le possibilità e i limiti del proprio intervento. Si giustifica, da questo punto di vista, il capitolo dedicato da Di Gesù alle principali prospettive che hanno animato il dibattito scientifico e filosofico dello scorso secolo (pp. 39-45). Va però ricordato che la consapevolezza dei diversi (e sempre rivedibili) parametri con cui la scienza offre alla medicina le sue basi è una condizione necessaria ma non sufficiente per “rianimare” l’attività del medico. Storicamente, infatti, la medicina, a differenza delle scienze c.d. “positive”, si è dovuta misurare in modo diretto con la sofferenza, la malattia e la morte, facendosi interprete delle ansie, delle paure e delle incertezze sia dei medici sia dei malati (p. 47). Per queste ragioni, «la società ha attribuito da sempre alla figura del medico un ufficio di sacralità, consistente nel compito, a lui delegato, [...] d’indurre le condizioni di salute, mettendo in atto i mezzi e gli strumenti idonei ad interrompere la serialità di causa ed effetto responsabili della malattia, della sofferenza e della morte» (p. 48).
Ancora oggi, del resto, nell’immaginario popolare il medico continua a rappresentare quello che, nelle varie epoche storiche e nelle varie culture, erano stati lo sciamano, il mago e il santo (pp. 51-57). Questi elementi sociali, culturali e religiosi, aggiunge l’Autore, «non possono essere ignorati, tanto meno sottovalutati; essi vanno invece riconosciuti, identificati e analizzati, in quanto patrimonio fondamentale dell’uomo e della società» (p. 56). Come si può notare, a differenza di molti colleghi, che spesso, pur rigettando la mentalità sacrale antica finiscono per riproporla quando attribuiscono alla scienza medica il ruolo di panacea dei mali dell’umanità, qui Di Gesù mostra una lucida consapevolezza dello spessore autentico della medicina. E infatti, se il medico, storicamente, comincia a ritagliarsi una sua autonomia cercando di «ridurre quanto più possibile lo spazio destinato agli interventi straordinari e ultraterreni», tuttavia, «nessuno meglio di lui» conosce i limiti del suo campo di azione. E per questo, prosegue Di Gesù disegnando la figura del buon medico, egli «accetta di condividere le proprie responsabilità con le diverse entità del mondo soprannaturale», ricordando alla società che l’eventuale insuccesso del suo intervento non deve essere attribuito necessariamente alla sua responsabilità (p. 51). Con un’intuizione senz’altro originale, L’Autore vuole dirci, in altri termini, che mentre viene tenuto a distanza affinché la medicina possa nascere e progredire, il mondo soprannaturale deve al tempo stesso essere tenuto costantemente presente come la cornice dentro cui essa si muove, rendendola così consapevole dei propri limiti. Ci sembra, questo, un modo felice di coniugare progresso scientifico, aspettative di guarigione e senso della finitezza umana: il medico, in effetti, ha scelto una professione in cui alla fine perde sempre, perché alla fine c’è la morte. Ma, nonostante ciò, egli ha deciso di porsi al servizio della vita.
  

Luciano Sesta

 

 

 
 
 

 

 


Visualizza il profilo di Giuseppe Di Gesù su LinkedIn

E’ vietato utilizzare o estrapolare scritti o parti di essi, immagini e quant’altro faccia parte del materiale contenuto nel sito senza il permesso dell’Autore. Può essere fatta richiesta di documentazione mediante e-mail da inviare all’Autore. Sarà data risposta nel minor tempo possibile.
Per qualsiasi richiesta, prendere visione del regolamento allegato.