HOME REGOLAMENTO PER LA RICHIESTA DI DOCUMENTAZIONE CONTATTI
 
Categorie

NEWS
Nuovo sito Storia della Medicina
storia della medicina
Aggiornamento Sito


Immagine di avvio

FINALITA' - OBIETTIVI - RECENSIONI - CONTENUTI - PARTENARIATI - CONSULENZE

PROFESSORE GIUSEPPE DI GESU'
SITO DEDICATO ALLE SCIENZE CHIRURGICHE
Chirurgia Generale - Fisiopatologia Chirurgica
Storia della Medicina 

 DOCUMENTI

 Elenco dei documenti

1-Testo del contratto di G. Filippo Ingrassia 

 

 

1553

TESTO DEL CONTRATTO STIPULATO TRA IL SENATO DELLA CITTA’ DI PALERMO E GIOVANNI FILIPPO
INGRASSIA PER LA REALIZZAZIONE DI UN CORSO DI STUDI IN MEDICINA
(manoscritto presso l'Archivio di Stato di Palermo, al n. 120 della “Miscellanea” I):


Ordini da osservarsi dal M.co Filippo Ingrassia, come lettore ordinario di Medicina, in questa felice città di Palermo, con salario di onze cento per anno.
Primieramente la sua lettura sarà divisa in tre spazii di tutto ... e secondo i medesimi spazii gli sarà pagato il salario tripartito di terzo in terzo. 

Incomincierà à leggere ogni anno al primo del mese di ottobre fuor nell'anno p.nte, che non era ordinata la cosa in quel mese; e leggerà p. tutti i venti di dicembre, nel qual dì è la vigilia di S. Tomaso Apostolo. E sarà la lettura del primo spazio interrotta p. le feste di Natale perfin che sarà celebrato il giorno della Befania. E allora si seguiterà la lezzione con l'ordine medesimo, che è stata letta prima p. insino alla vigilia di S. Ant.o che saranno i noni di gennaio. E tutto questo spazio s'intenderà p. lo primo. Onde a none di gennaio sarà pagato del suo primo terzo del salario, si come si costuma con tutti altri lettori ordinarji. 

E perchè sarà stata interrotta la lezzione p. lo Carnovale, come si dirà nel cap.o dell'essenzioni, vogliamo che l'habbia à ripigliare il primo lunedì della quaresima, e così la seguirà per insino al sabbato delle Palme, nel modo che harà letto nel primo spazio. E in questo sabbato di nuovo si farà pausa, e non si leggerà per le solennità della Pasca p. insino al primo lunedì della domenica ottava di Pasca. E potrà esser pagato per questo spazio secondo, del secondo terzo di suo salario, a none d’Aprile.

L'ultimo spazio haverà principio da questo lunedì dopo l'ottava di Pasca, nel qual giorno vogliamo, che ripigli il lettore la lezzione tralasciata, e la seguiti p. tutto il mese di Maggio con l'ordine che harà lette le prime: e nel mese medesimo sarà sodisfatto dell’ultimo terzo di suo salario. 

Egli, com'è detto, sarà obbligato continovamente in tutti questi mesi leggere la sua lezzione publicamente di Medicina, fuor che nelle domeniche, nelle feste principali, e ne' giovedì, ne' quali giorni non vogliamo obligarlo à lettura; eccetto che nella settimana non vi fosse qualche festa; in cambio della quale non si leggendo vogliamo che si legga nel giovedì; se pur nel giovedì, non è ancor festa comandata, che tutte le dette feste comandate vogliamo, che si riveriscano, et osservino. In tanto che il giovedì allora non sarà osservato, quando vi sarà festa nella settimana, e non altrimente. 

Non sarà obligato à leggere dal dì di S. Tomaso Ap.lo p. insino al giorno dopo la Befania, com'è detto. 

Ancora vogliamo, che goda lo spazio di un mese p. lo Carnovale, non più.  E così harà à terminar le lezzioni dopo S. Ant.o che non avanzi detto mese di Carnovale. E se da S. Ant.o à quadragesima, vi fosse minor spazio, harà patienza di leggere volendo gli scolari. 

Nel mese di maggio, sì come si costuma in tutte buone ........ , concediamo una settimana di riposo, qual'egli non.... purgazioni. E con questo ordine, e con queste vacanze, d'anno in anno continovare le sue lezzioni. 

Il salario vogliamo che gli sia pagato in modo predetto, terzo in terzo havendo letto con le condizioni già dette, eccetto che non fosse stato impedito di legittima causa ... ,sogliono essere infermità, comandamento di Vicerè, e ... Città, peste, o guerra. E in una parola si dice, se non sia stata di cagion legittima impedito.. Laquale non toglie che egli non debba esser pagato, e sodisfatto del suo salario.  Le lezzioni che si soglion leggere ordinarie sono: tre della Teorica, e tre della Prattica. Le tre della teorica sono un'anno l'arte medicinale; cioè i Tegni di Galeno. Il secondo gli Aforismi di Ippocrate, e il terzo la prima del primo di Avicenna. 

Quanto alle lezzioni della prattica, sono altre tre ordinarie p. tutti gli studi, che si leggono ancora p. tre anni. Nel primo la quarta del primo di Avicenna, nel secondo la prima del quarto del medesimo dottore; ove parla delle febri. Nel terzo si legge il nono ad Almansorem di Rasis.  

L'ordine che il lettore harà di tenere in leggere questi, o altri Autori greci, o arabi, sarà in facultà sua, e secondo la disposizione che di anno in anno vedrà negli studianti, e secondo gli sarà domandata dalla maggior parte di essi, o lezzion di Teorica, o di Prattica; essendo egli un lettor solo. Perché se vi fossero più lettori in Medicina ci si troverebbe altro ordine, e si leggerebbe la mattina la Teorica, e la sera la Prattica, et in tre anni sarebbero spedite tutte le letture. E in questo modo si andrebbe circolando. Leggerà a nona hora; p. che la mattina gli studianti intendono la Filosofia, e poi la lezzione della Medicina come Prattica, la Filosofia come Teorica.

 

 


Visualizza il profilo di Giuseppe Di Gesù su LinkedIn

E’ vietato utilizzare o estrapolare scritti o parti di essi, immagini e quant’altro faccia parte del materiale contenuto nel sito senza il permesso dell’Autore. Può essere fatta richiesta di documentazione mediante e-mail da inviare all’Autore. Sarà data risposta nel minor tempo possibile.
Per qualsiasi richiesta, prendere visione del regolamento allegato.