HOME REGOLAMENTO PER LA RICHIESTA DI DOCUMENTAZIONE CONTATTI
 
Categorie

NEWS
Nuovo sito Storia della Medicina
storia della medicina
Aggiornamento Sito


Immagine di avvio

FINALITA' - OBIETTIVI - RECENSIONI - CONTENUTI - PARTENARIATI - CONSULENZE

PROFESSORE GIUSEPPE DI GESU'
SITO DEDICATO ALLE SCIENZE CHIRURGICHE
CHIRURGIA GENERALE-FISIOPATOLOGIA CHIRURGICA
STORIA DELLA MEDICINA

LE VOCI QUI RIPORTATE CONTENGONO SOLTANTO NOTIZIE AL FINE IDENTIFICATIVO
SARANNO SUCCESSIVAMENTE RIVISTE ED ARRICCHITE DI ALTRE NOTIZIE.

B

 

BOYER ALESSIO (Barone)

Medico francese. Nato a Uzercht (Limousin), 29 marzo 1760- deceduto a Parigi 1833.

Membro della Legion d’Onore, della Reale Accademia delle Scienze, dell’Istituto Reale di Francia, Professore di Chirurgia Pratica nella Scuola di Medicina di Parigi, Chirurgo Consultore del Re, chirurgo Primario nell’Ospedale della Carità di Parigi, Socio di numerose Accademie Nazopnali ed Estere.

Fu allievo di Desault che, nel 1779 lo chiamò come aiuto per l’insegnamento dell’anatomia.  Nel 1787 vinse il consorso di Chirurgo Maggiore nell’Ospedale della Carità di Parigi. Anche in questa veste continuò l’opera didattica insegnando: Anatomia, Fisiologia, Chirurgia. Nella Scuola di Medicina ottenne la nomina di Professore di Medicina Operatoria, transitando qualche tempo dopo alla cattedra di Clinica esterna. Nel XII anno dell’impero, Napoleone Bonaparte lo nominò primo chirurgo personale.

Al Boyer si deve la creazione di nuovi aghi di sutura, molto più vantaggiosi di quelli adottati precedentemente sia per le suture dei vari tessuti che per le legature vascolari.

E’ stato Autore di Articoli chirurgici inseriti nel Dizionario delle Scienze Mediche e di Testi e

Opere:

1-Trattato Completo di Anatomia Descrittiva del Barone Boyer. Parigi, 1797-1799. 4 volumi in 8.vo

2-Trattato delle Malattie Chirurgiche e delle Operazioni Convenienti del Barone Boyer. Parigi, 1814-1821. 7 volumi in 8.vo.

 

BRA (de) ENRICO

Medico olandese. Nato a Dockum, Olanda, 25 settembre 1555

Figlio di un rinomato medico di questa città, compì gli studi a Colonia ed a Vienna. Successivamente si trasferì a Basilea, fin quando per motivi familiari decise di ritornare nella propria città, dove iniziò la pratica medica. Dopo qualche tempo si recò in Italia e si trattenne a Roma per un intero anno, impedito da un’epidemia a viaggiare nei paesi del sud, dove s’era prefisso di andare.

Dopo il soggiorno a Roma, decise di visitare alcune delle più rinomate Università dell’epoca, compresa quella di Parigi ed infine si recò a Basilea per conseguire la Laurea.

Successivamente tornò a dedicarsi alla pratica professionale prima a Leeuwarde, quindi a Kempen. Da lì ritornò a Dockum quindi si trasferì definitivamente a Kempen, dove aveva ottnuto il titolo di medico pensionato, fino alla sua scomparsa.

Opere:

1-Medicamentorum simplicium et facile parabilium, ad calculum, enumeratio, et quomodo iis utendum sit, brevis institutio. Franeker, 1589, in 16.mo – 1591. In 16.mo.

2-Medicamentorum simplicium et facile parabilium, ad icterum et hydropem, enumeratio, et quomodo iis utendum sit, brevis institutio. Leida, 1590. In 16.mo.

3-Medicamentorum simplicium et facile parabilium adversus epilepsiam, enumeratio, et quomodo iis utendum sit, brevis institutio. Arnheim, 1603. In 16.mo.

4-Medicamentorum simplicium et facile parabilium, pestilentiae veneno adverantium, enumeratio, et quomodo iis utendum sit, brevis institutio. Franeker, 1605. In 16.mo.

5-De curandis venenis per medicamenta simplicia et facile parabilia, libri duo. Franecker, 1603. In 8.vo.

6-De novo quodam morbi genere, Frisiis et Westphalis peculiari, observatio, una cun Johannis Heurnii ad eam responsione, In libro XIX delle osservazioni di Pietro Foreest. Leida, 1595. In 8.vo.

 
 

BRADLEY RICCARDO

Inghilterra, fine secolo XVII.

Medico e botanico, membro della Royal Society di Londra e dell’Académie de France, prof. di Botanica a Cambridge. Cattedra per alcuni ottenuta attraverso cerchie di amicizie e maneggi, che egli, in tarda età, trascurò.

Joseph Banks, presidente della Royal Society, dedicò alla sua memoria un genere di vegetale: “Bradleya”, adottato dal botanico tedesco Joseph Gaetaer. Il Bradley ha pubblicato numerosi volumi di botanica ed anche qualche traduzione. I titoli di queste opere sono riportati nella “Biografia Universale Antica e Moderna, ossia storia per alfabeto della vita pubblica e privata di tutte le persone che si distinsero per opere, azioni, talenti, virtù e delitti. Opera affatto nuova compilata in Francia da una società di dotti ed ora per la prima volta recata in italiano con aggiunte e correzioni. Vol. VII. Venezia, presso Gio. Battista Missiaglia MDCCCXXII. Dalla Tipografia di Alvisopoli”. Alcuni titoli originali mancano, altri sono presenti e così vengono riportati.

Opere:

1-Plantae succulentae, deche V, 1716, e segg.

2-Nuove indagini sull’arte di piantare e coltivare i giardini, precedute da alcune scoperte sul movimento del succo e sulla generazione delle piante. Londra, 1717, in 8.vo. Parigi, 1739, in 8.vo.

3-Traduzione inglese dell’opera di G. C. Agricola sulla coltivazione degli alberi, con annotazioni, nelle quali dà un gran numero di nuovi esperimenti sull’innesto e sul taglio degli alberi. 1726, in 4.to.

4-A Philosophical account of the works of nature. London, 1721, in 4.to e segg.

5-The plague at Marseille consider’d … by Richard Bradley, F.S.R.. London. Printed for W. Mears at the Lamb without Temple-bar. 1721.

6-Trattato di agricoltura e dell’arte di coltivare I giardini. Londra, 1724, 3 vol. in 8.vo.

7-Survey of the ancient Husbandry and Gardening collected from Cato, Varro, Columella, Virgil and others the most eminent Writers among the Greeks and Romans: Wherein mant of the most difficult Passages in those Authors are explain’d, and the whole render’d familiar to our Climate: with variety of new experiments. Adorn’d with Cuts.With a preface, shewing the Use of Husbandry, and the Necessity of erecting Publick Gardens. By R. Bradley, Professor of Botany in the University of Cambridge, and F.R.S. London: Printed for B. Motte, at the Middle This Gate, Fleet-Street. M.DCC.XXV.

8-The Country gentleman and farmer’s Monthly director, containing … by R. Bradley … London 1726.

9-Alcuni consigli agli affittajuoli sul miglioramento delle mandre.

10-Trattato del luppolo.

11- Corso compiuto di agricoltura. Londra, 1727.

12-Esami sul perfezionamento dell’agricoltura e del commercio dell’Inghilterra. 1727 e 1728, 4 vol. In 8.vo.

13-Botanical Dictionnary. London 1728, 2 vol. In 8.vo.

14-Insegnamenti sulla materia medica. Londra, 1730.

15-Esami sul gran freddo del 1728 e sulle malattie che ne furono la conseguenza. Londra 1729.

16-Trattato fisico e pratico sulla coltivazione dei giardini. Londra, 1730. In 8.vo.

 
 

BRADY ROBERTO

Storico e medico inglese. nato nel 1643 nella contea di Norfolk– deceduto nel 1700.

Nel 1670, custode degli archivi della Torre di Londra. Successivamente, Professore di medicina a Cambridge. Rappresentò la propria Università nei parlamenti del 1681 e del 1685. Medico ordinario di Re Giacomo II.

Opere di medicina:

1-Lettera al dottore Sidenham sulla medicina, 1679.

Opere di storia:

1-Introduction to the old English history. London 1684. In fol.

2-Complet History of England. London, 1685. In fol. (la stessa della precedenta)

3-Trattato sui borghi inglesi. In fol.

 
 

BRANDAU CORRADO ENRICO

Medico tedesco. Nato a Cassel, 1752– deceduto ad Hanau, 6 settembre 1791.

Conseguito il titolo dottorale nel 1777 a Rinteln, tre anni dopo ebbe la nomina a professore di Chirurgia, con la licenza di esercizio di oculista nel collegio di Cassel. Nel 1785, con gli stessi titoli si trasferì presso l’Università di Marburgo. Nel 1786 si recò in Russia dove venne nominato professore di Chirurgia nell’Università di Pietroburgo. Tre anni dopo ebbe l’incarico di medico aggiunto in un ospedale di Mosca. Nel 1791 rientrò in Germania e si stabilì ad Hanau fino al termine della sua vita.

Opere:

1-Dissertatio inauguralis sistens observationes de vocis signo in morbis characteristico. Rinteln, 1777. In 4.to.

2-Programma di chirurgia ratonali. Cassel, 1780. In 4.to.

3-Dissertatio sistens observationes quasdam de intemperantia et morbis ex ipsa oriundis. Marburgo, 1785. In 4.to.

4-Unterhaltende Aufsoetze ueber mehrern Theilen der Arzneykunst, fuer die, vvelche <aerzte sind, Marburgo, 1786 e 1787. In 8.vo.

5-Rede an der 25 Jaehrigen Jubelfeyer der Regierung K. M. Katharina der 28 jun 1787. S. Petersburg, 1787. In 4.to.

 

BRANDIS GIOACHINO DIETERIC

Medico Tedesco. Nato a Hildesheim, 18 marzo 1762.

Completato il corso di studi a Gottinga, conseguì ivi la laurea. Successivamente, a 25 anni, venne nominato fisico medico di Stenerwald e, l’anno seguente. Membro del Consiglio medico di Hildesheim. Consigliere del duca di Brunswich ad Holzminden, nel 1803 divenne primo medico del re di Danimarca e professore di medicina nell’Università di Kiel.

Alla sua figura gli storici della medicina, come lo Sprengel attribuiscono un grande peso in quanto operò “una rivoluzione completa, almeno in Germania, della scienza”. Sostenitore accanito della chemiatria, “Brandis arriva fino a pretendere che la materia organica è il prodotto di una forza particolare che non agisce secondo le leggi della fisica, ma che sovente opera combinazioni affatto contrarie a quelle affinità chimiche. La forza vitale non è mai il risultamento dell’organizzazione ed intanto dice in seguito l’autore, che l’irritabilità è il prodotto di questa organizzazione”.

Opere:

1-De Oleorum unguinosorum natura. Gottinga,1785. In 4.to.

2-Uebersicht der allgemeinen Gesundheitslehre, zur Ankkuendigung akademischer Uorlesungen. Gottinga, 1786. In 4.to.

3-Technologisches Taschenbuch fuer Kuenstler, Fabrikanten und Metallurgen, auf das Jahr, 1786. Gottinga, 1786. In 12.mo. Anonimo.

4-Anleitung zum Gebrauch des Driburgen Bades und Brunnens, nebst einer Kurzen Beschreibung der dortigen Anlagen und Gegenden. Munster (Monaco di Westfalia), 1792.In 8.vo.

5-Versuch ueber die Lebenskraft. Annover, 1795. In 8.vo.

6- Versuch ueber die Metattsaten. Annover, 1798. In 8.vo.

7-Erfahrungen ueber die Wirkung der Eisenmittel in allgemeinen und des Driburgen Wassers insbesondere. Annover, 1803. In 8. vo.

8-Pathologie, oder Lehre von den Affecten des lebendigen Organismus. Amburgo, 1808. In 8. vo.

9-Ueber prychiscen Heilmittel und Magnetismus. Copenaghen, 1818. In 8. vo.

Svolse inoltre un’intensa attività di editore e di traduttore.

 
 

BRAUNE CRISTIANO GOFFREDO CARLO.

Medico tedesco. Nato a Nebra sull’Unstrut, 30 luglio 1765-

Compì gli studi e conseguì la laurea nell’Univesirtà di Lipsia nel 1798.

Opere:

1-Quaedam de carcinomatis semiotica. Lipsia, 1791. In 8.vo.

2-Versuch ueber den Pemphigus und das Blasenfieber. Lipsia, 1795. In 8.vo.

3-Dissertatio inauguralis Topographiae medicae urbis Lipsiensis specimen. Lipsia, 1798. In 8.vo.

4-Traduzione dal Greco del trattato di Ippocrate sulle ferite della testa. Lipsia, 1785. In 8.vo.

 

BRAUSER CRISTOFORO TEOFILO.

Medico tedesco. Nato a Ratisbona, 8 novembre 1731–deceduto a Ratisbona, 9 novembre 1785.

Iniziò gli studi di medicina seguendo alle lezioni di anatomia e di fisiologia di Luigi Michele Dieterich. Nel 1751 si trasferì presso l’Università di Gottinga dovve ebbe come maestri Haller, Richter, Segner, Brendel e Rocder. Trascorsi i 5 anni di studio conseguì la laurea dottorale nel 1756.

Conseguito il titolo professionale, fece ritorno a Ratisbona per iniziare la sua attività. Qualche tempo dopo però fu chiamato dal conte di Ortemburg e nominato medico personale. Svolse questa attività per molti anni, fin quando, per motivi di salute, decise di ritornare a Ratisbona, sua città natale. Ivi continuò a vivere fino alla sua scomparsa.

Opere:

1-An lipothymia venae sectioni semper sine aliqua probabili causa superveniens a bea abstinere jubeat. Gotttinga, 1756. In 4.to.

Curatela e revisione di:

2-Agricola Giorgio Andrea-Versuch eine allgemeinen Vermehrung aller Baeume. Ratisbona, 1772. In folio.

 
 

BRAVO GIOVANNI.

Medico spagnolo e professore di medicina. Nato a Piedrahita, XVI secolo.

Verso la fine del XVI secolo fu professore di medicina nell’Università di Salamanca.

Opere:

1-De hydrophobiae natura, causis atque medela. Salamanca, 1571. In 8. vo. Ristampe, 1576 e 1588, in 4.to.

2-In libros prognostico rum Hippocratis commentaria. Salamanca, 1578, In 8.vo. Ristampa, 1583.

3-De saporum et odorum differentiis, causi set affectionibus. Salamanca, 1583. In 8.vo. Ristampa, Venezia, 1592. In 8.vo.

4-In Galeni librum, de differentis febrium, commentarium. Salamanca, 1585. In 4.to. Ristampa, 1596.

5-De curandi ratione per medicamenti purgantis exhibitionem, libri tres. Salamanca, 1588. In 8.vo.

6-De simplicium medicamento rum delectu, libri duo. Salamanca, 1592. In 8.vo.

 

 
 

BRAVO CHAMIZIO GIOVANNI.

Medico portoghese e professore di medicina. Nato a Serpa, (Alentejo) tra XVI e XVII sec. deceduto nel 1615.

Studiò e conseguì la laurea dottorale nell’Università di Coimbra, dove successivamente fu nominato prima professore di anatomia, quindi di medicina pratica.

Opere:

1-De medendis corporis malis per manualem operationem. Coimbra, 1605. In 12.mo.

2-De capitis vulneribus. Coimbra, 1610. In folio.

 
 

BRAVO DE SOBRAMONTE RAMIRES GASPARE.

Medico spagnolo e professore di medicina. Nato ad Aguilar del Campo (Castiglia), XVII secolo.

Studiò e conseguì la laurea dottorale nell’Università di Valladolid, nella quale poi divenne professore di medicina e di chirurgia. Fu nominato medico personale del Re Filippo IV e del Re Carlo II: Primo medico dell’Inquisizione.

Opere:

1-Resolutionum medicarum circa universam totius philosophiae doctrinam, tomus primus. Valladolid, 1649. In foli. Ristampe, Lione, 1654, 1662, in 4.to.

2-Consultationes medicae et tirocinium practicum. Colonia, 1671. In 4.to.

3-Operum medicinalium, tomus tertius. Lione, 1674. In folio.

 
 

BRENDEL ZACCARIA.

Medico tedesco e professore di medicina. Nato a Jena, 1592.

Conseguì la laurea dottorale nella città di Jena nel 1617. Nella stessa Univeersità fu nominato professore di medicina nel 1638.

Opere:

1-Tractatus de inductorum purgantium viribua, dosi etc. Jena, in 4.to.

2-Chemia in artis formam reducta. Jena, 1630. In 12. mo. Ristampe, 1641, in 8.vo; Leida, 1671. In 12.mo.

3-De medicina arte nobilissima. Jena, 1635. In 4. to.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 


Visualizza il profilo di Giuseppe Di Gesù su LinkedIn

E’ vietato utilizzare o estrapolare scritti o parti di essi, immagini e quant’altro faccia parte del materiale contenuto nel sito senza il permesso dell’Autore. Può essere fatta richiesta di documentazione mediante e-mail da inviare all’Autore. Sarà data risposta nel minor tempo possibile.
Per qualsiasi richiesta, prendere visione del regolamento allegato.